Banche online vs Banche tradizionali

Oggi scriviamo di quali sono oggi, secondo noi, le principali differenze tra banche online. Il mercato dell’ home banking è in continua crescita, anche l’Italia segue, ormai nemmeno troppo lentamente il trend europeo, dove le carte di credito online vanno per la maggiore e vengono utilizzate già da diversi anni.

Banca tradizionale

Intanto cerchiamo di capire le principali differenze tra i due tipi di conto, online e classico. Le banche tradizionali possiedono un sportello di proprietà ed hanno una sede fisica per i versamenti, le aperture di conto e tutto ciò che ha a che fare con i servizi di una banca al pubblico.

La banca classica ha un costo più elevato a causa delle spese, degli sportelli e del personale che vi lavora. Spese dunque di mantenimento non solo della banca stessa ma anche per chi vi lavora e di conseguenza di chi usufruisce dei servizi di un gruppo bancario.

Il conto corrente tradizionale ha un costo mensile e solitamente delle spese di commissione. La lista movimenti e il saldo si possono vedere dal comune sportello ATM, il caro vecchio Bancomat per intenderci.

Un altro aspetto da non sottovalutare, in questo periodo, post Covid, ha a che fare con le file e l’attesa allo sportello. Se non si possiede una versione online del proprio conto corrente, sul proprio pc, bisogna per forza di cose recarsi in Banca fisicamente.

Altro aspetto da non sottovalutare è il personale della Banca prescelta. Il cliente dovrà interfacciarsi per forza di cose con il banchiere, figura fisicamente assente nelle banche online.

Banche online

scegliere banche online

Andiamo a vedere invece da vicino come funzionano le home banking. Intanto un’home banking autonoma e nata esclusivamente sul web e per il web, non possiede una sede fisica, così come non ha lo sportello ATM di proprietà. Qui abbiamo visto quali sono oggi i principali conti online con zero spese.

I banchieri sono figure professionali assenti fisicamente, ma una buona banca online prevede uno staff tecnico qualificato in grado di risolvere i problemi e di rispondere in chat o al telefono ai quesiti dei suoi clienti. l’approccio se vogliamo è simile a quello delle compagnie telefoniche, ho un problema con il mio conto corrente o cerco soluzioni pratiche e veloci, scrivo un messaggio in chat o telefono al numero clienti.

Ovviamente il personale deve essere in grado di far fronte ad ogni tipo di problematica. L’Internet banking non ha costi. Non possiede sportelli e di conseguenza i canoni si riducono. Quasi tutte le web banking hanno un conto basic totalmente gratuito e a zero commissioni.

Una banca via app. Le applicazioni sono un’altra peculiarità di queste banche che hanno abituato i propri clienti ad utilizzare il proprio conto bancario tramite app scaricabile sul proprio smartphone.

Le banche online si muovono in tutte e per tutto sui cellulari dei loro clienti. Sull’app della propria banca si può trovare tutto, dalla lista movimenti, alle tipologie di conto correnti, e sempre tramite applicazione si possono ricevere ed effettuare bonifici. Le stesse registrazioni ad una web banking spesso avvengono tramite l’applicazione della Banca. Leggi quanto è semplice aprire un conto online con N26.

Perché scegliere banca online invece che la banca tradizionale

Nel mercato sappiamo quanto sia rilevante il target e le fasce d’età che acquistano o meno un determinato prodotto. Bene, qui non si tratta di scarpe e vestiti, aprire un conto corrente è una scelta che vuoi o non vuoi prima o poi tutti coloro che lavorano o ricevono denaro debbano fare.

Sappiamo inoltre il peso che hanno le banche in borsa e sull’economia di un Paese. Ma il mercato cambia di continuo e anche velocemente. Le web banking stanno sicuramente cavalcando l’onda dell’innovazione e dello svecchiamento dei Paesi.

Dopo l’epidemia da coronavirus inoltre dobbiamo fare spazio al distanziamento sociale, un elemento da non sottovalutare e che gioca un’influenza notevole sulle scelte degli italiani e non solo.

Chi decide di aprire un conto corrente con una Banca Europea o italiana esclusivamente via internet è senz’altro una persona abituata a gestire le spese di casa e non solo tramite smartphone o pc. Una persona che non ama perdere tempo e fare file per questioni che si possono risolvere in poco tempo.

L’età ha un peso ma fino a un certo punto, il target delle home banking è senz’altro più giovane, ma l’evoluzione dello smartworking e dell’uso della tecnologia all’interno di un nucleo familiare può alzare l’asticella dell’età.

Se si può lavorare comodamente da casa, perché non gestire il proprio denaro dal divano o da pc? Questo è uno scatto che sta avvenendo nel nostro Paese.

Anche riguardo alle home banking c’è però da fare un’attenta distinzione. Recentemente proprio qui su UpGo.news, abbiamo parlato di web banking ibride, e banca invece autonome e nate solo ed esclusivamente sul web.

I gruppi bancari tradizionali proprio per adeguarsi ai tempi e alla modernità hanno incominciato a lanciare dei servizi online o dei veri e propri conti correnti da gestire, tramite password e credenziali fornite dalla Banca, direttamente dal pc di casa. Sono tante anche le banche ibride, conto sul web gestito però dalla casa madre.

Così anche la clientela si suddivide in chi già possiede un conto ad esempio con Banca Unicredit e per avvicinarsi al web banking, vuole provare la versione online direttamente con la sua banca di fiducia, o chi invece sceglie una Home Banking pura, affidandosi alla serietà di una Banca anglosassone, tedesca o svizzera.

Il bello dell’home banking è che entrano in ballo anche gli altri paesi Europei, sicuramente più solidi e avanzati in tema di internet banking. Attualmente poi quasi tutte le web banking possiedono le carte di credito con l’iban del paese di appartenenza, in modo da non avere problemi di alcun genere. Ma vi sono delle home banking italiane che hanno intrapreso questo viaggio da startup e si stanno facendo strada sul mercato. Tra le più rinomate e affidabili troviamo N26, Revolut e la startup italiana Illimity.

Un’altra distinzione sta nei servizi finanziari che si desiderano. Se abbiamo bisogno di richiedere un mutuo, o un finanziamento di altro tipo avere alle spalle un gruppo bancario tradizionale, fa comodo. Le home banking per quanto rappresentino il futuro hanno dei limiti, tra questi gli F24, non sempre si possono pagare con un conto online e la richiesta di mutui e finanziamenti.

E’ d’obbligo infatti prima di passare ad una banca online andare a vedere i servizi di cui dispone. Bonifici, gestione dei risparmi, stipendi, pensione, acquisti online, servizi di cash back ecc. ecc sono tutte opzioni che un conto corrente online possiede.

L’aspetto economico è fondamentale direi, aprire un conto senza costi aggiuntivi di nessun genere, avere un carta circuito Mastercard e non pagare alcuna commissione può avere un effetto sui più giovani o sui nuclei familiari che hanno bisogno di risparmiare.

Affidabilità e sicurezza dei conti online

Queste le due paroline magiche che i fruitori di una qualunque banca cercano, una volta diventati clienti. Anzi il processo di fidelizzazione per quanto riguarda le home banking avviene ancor prima. Il momento della scelta è fondamentale in particolar modo per le web banking.

Chi invece è cliente di un gruppo bancario tradizionale e già rinomato, si aspetta una certa cura da parte dei dipendenti che prosegue nel tempo. La fedeltà deve essere reciproca e si basa sull’efficienza e la cortesia che il cliente riceve quando si reca fisicamente in banca. I costi sono maggiori, e maggiore deve essere l’attenzione verso il cliente.

Detto ciò alle banche online valide e degne di rispetto non manca proprio nulla. Secure Code e liste movimenti aggiornate di continuo sulla propria app. Qualora vengano spostati o spesi anche solo 2 euro, arriverà la notifica sulla proprio cellulare.

Leggi anche: N26 è sicura?

Non avere rapporti diretti con un banchiere non vuol dire non avere risposte o non sentirsi accolti.

Le banche tradizionali hanno iniziato ad evolversi e a creare dei conti online, gestibili da casa. Mentre le banche totalmente autonome sul web stanno iniziando a farsi conoscere sul mercato ogni giorno di più. Questa è senz’altro la strada da percorrere per svecchiare e velocizzare tutte quelle operazioni legate al quotidiano e che portano via tempo prezioso.

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here