N26 vs Revolut

Il confronto tra N26 e Revolut e chi vince, secondo noi. In questa nuova puntata della nostra serie le Opinioni di UpGo.news torniamo a scrivere di carte e mobile banking. Abbiamo messo a confronto due super prodotti, N26 e Revolut.

Ormai sempre più persone scelgono di avere un conto corrente completamente online, gestibile comodamente dal proprio pc o smartphone ma con tutte le funzionalità tradizionali, compresa una carta di pagamento.

Proprio per questo sono nate diverse iniziative che vanno esattamente nella direzione della completa autonomia gestionale per quanto riguarda risparmi e pagamenti.

Due di queste sono N26, proprietà della omonima banca tedesca, e Revolut, startup fintech anglosassone arrivata in Italia dopo aver riscosso consensi in tutta Europa.

Vediamo meglio come funzionano questi due strumenti e quali sono le principali differenze, partendo proprio da un rapido confronto tra i due strumenti. Buona lettura.

N26 o Revolut. Qual è meglio?

Sono prodotti diversi ma se siete qui probabilmente state cercando un rapido e sintetico confronto tra i due prodotti. Ribadiamo che si tratta solo ed esclusivamente della nostra opinione su questi due servizi e che stiamo parlando in entrambi i casi di due aziende solide e che stanno collezionando tantissimi successi.

Fatto quindi questa dovuta premessa passiamo al dunque. Quale preferiamo noi di UpGo.news tra Revolut e N26? Qual è meglio?

Da quando abbiamo avuto la possibilità di iniziare a collaborare con N26 abbiamo testato il prodotto in ogni singolo aspetto. E veramente N26 ci piace. E ci piace più di Revolut.

Più avanti in questa review andremo a parlare delle varie caratteristiche e delle principali differenze ma ad oggi, secondo noi, N26 è meglio di Revolut perché consente l’utilizzo di un IBAN italiano ed è comunque una banca inserita nel sistema bancario tedesco. Revolut è invece una carta britannica con IBAN UK e la cosa, diciamoci la verità, dopo la Brexit, ha detto perdere a Revolut un po’ di appeal.

Ma questa è una nostra posizione super sintetica. Adesso andiamo avanti con la nostra review presentando le principali caratteristiche (e differenze) tra i due prodotti.

Iban italiano N26

N26: AMPIA SCELTA E ATTENZIONE AL BUSINESS

N26 offre diverse possibilità per aprire un conto corrente che sia perfettamente in linea con le esigenze dei clienti.

Il conto corrente basico è 100% online, gratuito con una carta Mastercard di debito anch’essa gratuita.
Con questo conto si possono effettuare bonifici istantanei oppure versare e ricevere soldi gratuitamente denaro da e verso i propri contatti che utilizzano N26.

Anche i bonifici internazionali non sono un problema, grazie a TransferWise.

La sicurezza è garantita da Mastercard Secure Code e da notifiche push che vengono inviate dopo ogni attività registrata sul conto corrente.

La gestione dei risparmi e delle spese è facilissima, si possono creare spazi separati, virtuali, in cui accumulare denaro per obiettivi specifici e tenere d’occhi le proprie uscite grazie a un sistema di categorizzazione automatica che permette di capire in modo immediato dove vanno a finire i propri soldi.

La funzione Spazi Condivisi è ancora solo per gli IBAN tedeschi, ma presto arriverà anche in Italia.

L’esperienza di N26 diventa internazionale con le carte You e Metal, che permettono di prelevare gratuitamente in tutto il mondo e attivare assicurazione medico-bagaglio sui viaggi.

N26 business, invece, è dedicata ai freelance e a chi ha un’attività in proprio, ugualmente non prevede canone e ha una Mastercard Business a disposizione in modo gratuito, inoltre aiuta a gestire pagamenti e tasse grazie alla possibilità di scaricare periodicamente l’estratto conto e di mettere da parte con bonifico automatico i soldi negli Spazi condivisi.

Insomma, un home banking con tutte le funzioni utili, disponibile direttamente sullo smartphone.

Proprio queste ampie possibilità di personalizzazione nella gestione del denaro sono il punto di forza di N26 che ha conquistato in Italia mezzo milione di clienti con un volume complessivo delle transazioni che supera i 2 miliardi di euro.

Persino Forbes l’ha nominata “Migliore banca d’Italia”.

Dal 26 marzo 2020, inoltre, è possibile aprire un conto con un IBAN italiano (prima era disponibile solo quello tedesco) e quindi aggiungere importanti funzioni, tra cui il pagamento delle bollette, degli abbonamenti e delle utenze e farsi accreditare lo stipendio in modo più semplice.

Logo di N26

COME APRIRE UN CONTO CORRENTE N26

Aprire un conto con N26 è semplice e veloce, occorre ricordare, però, che si deve essere maggiorenni e che non si possono aprire conti cointestati, inoltre è necessario avere uno smartphone con sistema Android o iOS oppure un semplice notebook con sistema Windows o Linux.

Una volta verificato di avere tutti i requisiti richiesti ci si può registrare dalla pagina apposita sul sito e procedere all’inserimento dei dati anagrafici richiesti. Al termine di questa procedura si dovrà procedere al riconoscimento tramite videochiamata con un operatore.

Quando si apre il conto con N26 viene dato un codice promo per invitare gli amici e guadagnare 15€ per ogni nuovo iscritto. Cosa buona e giusta.

CI SONO COSTI CON N26?

Aprire un conto è sempre gratuito, mentre le carte You e Metal hanno un costo, rispettivamente di 9,90€ al mese e 16,90€ al mese.

I prelievi in Italia sono gratuiti fino a 5 al mese, dopo di che si pagano 2€ per ogni prelievo, all’estero, invece, con il conto semplice per ogni prelievo si paga l’1,7% .

REVOLUT: COS’È E CHE OFFERTA HA

Carta Revolut

Revolut è servizio che ha l’obiettivo di permettere ai suoi utenti di gestire tutta la propria vita finanziaria in un’unica app.

La forza di Revolut è quella di permettere trasferimenti di denaro in tutto il mondo e con qualsiasi valuta, comprese le criptovalute.

I conti Revolut sono tutti con IBAN del Regno Unito, per quanto riguarda i profili personali, si possono attivare tre tipologie di conto:

– standard, a 0€ al mese, permette di fare spese in 150 valute, prelevare gratuitamente fino a 200€ al mese, avere la carta Revolut senza canone, pagando solo le spese di spedizione, avere accesso immediato a ben 5 criptovalute

– premium, a 7,99€ al mese, permette prelievi fino a 400€, garantisce l’assicurazione medica internazionale e l’assicurazione per ritardi su voli e per i bagagli, la carta premium, 1 bonifico SWIFT gratuito al mese, bonificI transfrontalieri gratuiti illimitati, conti Revolut Junior per un massimo di 2 bambini

– metal a 13,99€ al mese, permette prelievi fino a 800€, carte Revolut Metal esclusive, carte virtuali usa e getta, accesso gratuito alla lounge per te e altri 3 amici in caso di ritardo del volo, conti Revolut Junior fino a 5 bambini, 01% di cashback in Europa e 1% fuori dall’Europa su ogni pagamento con carta.

Dal punto di vista dei prodotti business, invece, Revolut mira a sostenere la crescita delle imprese con prodotti a loro dedicati, tra cui:

– gratis, a 0€ al mese permette depositi e cambi in 28 valute, IBAN per bonifici internazionali, spese in 150 valute, accesso a 2 membri del team

– grow, a 25€ al mese, 100 pagamenti locali gratuiti, 10 pagamenti internazionali gratuiti, accesso a 10 membri del team, gestione delle spese, assistenza prioritaria, approvazione del pagamento

– scale, a 100€ al mese, 1000 pagamenti locali gratuiti, 50 pagamenti internazionali gratuiti, accesso a 30 membri del team

Infine c’è la soluzione enterprise con condizioni su misura per il cliente.

Revolut permette di tenere sotto controllo le proprie spese e i propri risparmi, basterà, infatti, impostare un budget per ogni voce di spesa e l’app si occuperà di monitorare i progressi.

Con la funzione Vault, inoltre, si può risparmiare in ciascuna delle cinque criptovalute disponibili.

Revolut

IN QUALI CRIPTOVALUTE POSSO INVESTIRE CON REVOLUT

Revolut permette di acquistare al tasso migliore e senza commissioni le criptovalute Bitcoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Litecoin e Ripple.

Si tratta di una funzione disponibile per i clienti premium oppure per coloro che invitano gli amici a iscriversi e ottengono almeno tre adesioni, tutti gli altri devono prenotarsi per accedere al servizio.

Il tasso di cambio è quello degli exchange con cui Revolut collabora.

COME FUNZIONA REVOLUT

Il conto Revolut può essere caricato con carta di credito, operazione bancaria o Google Pay.

Dopo aver effettuato una ricarica minima di 10€ si può ordinare direttamente tramite app una carta di credito reale che ha un costo di 5,99€. Le carte reali attivabili sono al massimo tre.

In alternativa si possono avere ben cinque carte virtuali, da utilizzare per i pagamenti online, e una carta usa e getta.

Grazie a queste carte si possono fare pagamenti e prelievi in tutto il mondo in 140 valute.

In alternativa si può pagare tramite conto bancario Revolut attraverso il trasferimento bancario, i pagamenti diretti ad altri conti Revolut oppure con pagamenti ricorrenti.

Per creare il proprio conto Revolut sarà necessario innanzitutto scaricare dal sito o dagli store online la app, disponibile per Apple Watch, iPhone, iPad con sistema operativo da iOS 9 in poi e per smartphone Android, dal 4.4 in su.

A questo punto verrà chiesto di scegliere un codice di accesso e di inserire le proprie informazioni anagrafiche. Al termine dell’operazione verrà inviata una mail di conferma e il conto sarà attivo subito dopo la prima ricarica da 10€.

2 commenti

  1. Dal mio punto di vista Revolut ha due punti di forza da non sottovalutare: l’appartenenza ad un sistema bancario al di fuori dell’area euro (soprattutto in questi tempi difficili per la valuta europea e per la zona UE) e la possibilità di operare con le criptovalute.

  2. Purtroppo Revolut è ferma all’assistenza in inglese. Certo non sarà un problema per molti, ma fa la differenza in caso di problemi…

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here