IBAN italiano N26

Bellissime notizie per i tanti clienti italiani di N26, la mobile bank che come sapete, qui su UpGo.news seguiamo da vicino in quanto realtà davvero interessante e super comoda. Lo abbiamo raccontato in diversi nostri post e anche sulla nostra completa recensione del prodotto N26. Fino ad oggi, se proprio dovevamo trovare un limite a questa banca online era l’obbligo di un IBAN tedesco. Ovvero di un IBAN che inizia con DE anziché con IT.

Banner N26 per registrazione conto online

Che poi limite fino ad un certo punto. Come spiegato in altri nostri post, tanto più in questo periodo, la garanzia di avere i propri soldi su una banca solida inserita nel sistema più stabile e garantito d’Europa può essere in assoluto un punto di vantaggio.

Però è anche vero che , anche se l’IBAN tedesco è parte del sistema europeo SEPA, erano diversi a storcere il naso nel dovere usare quel codice troppo “straniero”.

Diverse società ma anche enti pubblici, non accettano proprio l’inserimento di iban che non inizino con IT. E quindi i titolari di conti N26 hanno sempre un po’ vissuto quel DE come un limite.

Ora però N26, che evidentemente ha deciso di investire con particolare forza in Italia, fa un bel regalo alla nutrita base clienti della banca, dando l’opportunità di utilizzare il conto online di N26 (e la relativa carta), sempre gratuitamente ma con IBAN italiano.

Per raccontarvi questa novità abbiamo chiacchierato un po’ con il team di N26 per capire come viene introdotto questo cambiamento.

 

Come attivare IBAN italiano su N26

Banner N26 per registrazione conto online

Allora partiamo dalla mamma di tutte le domande: come si fa ad attivare su N26 un iban italiano?

L’iban italiano, diamo subito la prima notizia, sarà attivo di default su tutti i nuovi conti di N26 aperti in Italia. Nel nostro Paese, ci dice N26, i clienti sono già più di 500mila. Un vero boom.

E i vecchi clienti. I già clienti di N26 dovranno aspettare un pochino. Poi riceveranno una comunicazione che consentirà loro di scegliere se passare all’IBAN italiano oppure mantenere il classico IBAN made in Germany che finora ha caratterizzato i servizi di questa banca.

Che differenze ci sono tra iban italiano e iban tedesco?

Quindi prima i nuovi clienti e poi i vecchi. Al netto però, è bene specificarlo, che nulla cambia in termini di servizio offerto e sicurezza, anche e sopratutto sul fronte finanziario.

Che significa? Che N26 resta ancorata alle misure di sicurezza tedesche, anche per i conti offerti con IBAN italiano. Insomma, la comodità dell’IBAN di casa ma con la sicurezza dell’economica tedesca. La cosa si fa quindi ancora più interessante.

Bene però fare su questa questione di iban italiani e iban esteri una precisazione. E’ una comodità in più, d’accordo. Ma già oggi le aziende, tutte, sarebbero in linea di principio obbligate ad accettare da un cliente italiano qualsiasi conto bancario purché inserito all’interno del sistema europeo SEPA.

Iban N26 non accettato

Quindi, anche quei conti che continueranno ad operare con IBAN tedesco non dovrebbero riscontrare nel normale uso quotidiano alcun ostracismo.

Sempre in teoria, nessuno dovrebbe farvi un problema su un rid o per un pagamento veicolato su N26 anche nella “normale versione” con IBAN tedesco.

Prendiamo quindi questa novità dell’IBAN italiano con N26 per quello che é: semplicemente una comodità in più ed un modo per la banca di avvicinarsi al nostro mercato che, evidentemente, l’azienda oggi ritiene molto interessante.

E voi cosa ne pensate? Preferite utilizzare con N26 un IBAN italiano oppure uno tedesco? Raccontateci la vostra esperienza e diteci la vostra opinione qui sotto, nell’apposito spazio commenti.

10 commenti

  1. Ottima notizia, peccato che sono già cliente N26 quindi dovrei attendere del tempo!!
    Mi fa molto piacere perché la mia banca Mediolanum non accetta l’Iban tedesco quindi N26 per tutta la vita ……povera Italia!!!

    • La n. 26 è la miglior carta che ho avuto nella mia vita ho 45 anni e nemmeno l’ American express è al livello della n26 poi il money beam tooooop

  2. Enel e Eni non accettano domiciliazione bollette con iban tedesco, ciip (consorzio idrico) sì, ma l’ultima fattura inspiegabilmente non è andata in porto. Per il resto,a parte qualche difficoltà nei contatti
    (solo on line) per la soluzione di problemi, esperienza eccezionale.

  3. anche io ho IBAN tedesco e sono molto contento di N26 ma mi piacerebbe sapere quando trasformeranno il mio DE in IT.
    Nessuno ha idea?

Lascia un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here